Vai ai contenuti
PATOLOGIE DENTARIE
La più comune patologia dentaria è la malattia parodontale, che consiste in lesioni infiammatorie a carico della gengiva e, nei casi più gravi e avanzati, del parodonto (tessuto che àncora il dente al suo alveolo).
La causa della malattia parodontale è la placca batterica (patina composta da batteri, saliva e detriti alimentari) che aderisce ai denti e con il tempo può mineralizzarsi a formare il tartaro (come nella figura a lato) il quale induce a sua volta l'ulteriore ritenzione della stessa placca batterica.
I disturbi che può avvertire un animale colpito da tale malattia sono:
  • Alitosi (alito di odore sgradevole)
  • Ascessi dentari
  • Riniti croniche
  • Mobilità dentaria
  • Dolore della testa
Un grave accumulo di placca dentaria può portare alla disseminazione in circolo di emboli batterici che predispongono allo sviluppo di bronchiti croniche, endocarditi, nefriti e cistiti batteriche.
DETARTRASI
Per asportare efficacemente placca e tartaro dai denti, è indicata la procedura odontoiatrica di "detartrasi" (rimozione del tartaro) che viene effettuata tramite l'ausilio di strumenti ad ultrasuoni, con il Paziente in anestesia generale.
I risultati di questo trattamento sono:
  • restituzione della lucentezza dello smalto dei denti
  • risoluzione della gengivite/parodontite
  • scomparsa dell'alito cattivo
DENTI DA LATTE PERSISTENTI
In condizioni normali, l'eruzione dei DENTI DEFINITIVI avviene entro i 6-7 mesi d'età del cucciolo, con la contemporanea perdita dei DENTI DA LATTE. In alcuni casi (soprattutto nelle razze pure di piccola taglia: es. maltesi, chihuahua, bassotti, yorkshire, pinscher) i denti da latte possono persistere e ostacolare lo sviluppo dei denti permanenti, causando problemi di MALOCCLUSIONE DENTARIA e ACCUMULO DI CIBO tra i denti.
Nel nostro Ambulatorio ci occupiamo dell'estrazione dei denti da latte, qualora si creino le situazioni sopra indicate. L'estrazione tempestiva crea i presupposti per la corretta e definitiva fuoriuscita dei denti permanenti, evitando complicanze a lungo termine.
Torna ai contenuti